Salute

Tecniche di meditazione e concentrazione: le migliori strategie

Il mese di settembre è, a volte, davvero stressante. Finite le ferie è necessario fare mente locale e iniziare nuovi progetti. Il lavoro, la scuola, l’iscrizione in palestra: come mantenere la calma? Molte tecniche di meditazione possono insegnarti a restare concentrato! Abbiamo selezionato quelle che amiamo di più e vogliamo introdurtele. Ti basterà provarne una e vedere se per te funziona. Iniziamo subito! 

Come nasce la meditazione

La meditazione è una tecnica che consente di ritrovare equilibrio ed energia. Nasce nelle culture orientali, come parte del rito di preghiera. Nel mondo contemporaneo queste tecniche di meditazione vengono recuperate e aggiornate. I loro scopi sono molti: 

  • Insegnare una respirazione calma e controllata. 
  • Aumentare la flessibilità del corpo (se associate a posizioni ginniche come nello yoga). 
  • Aiutare a concentrarsi. 
  • Distogliere la mente dallo stress e dai problemi. 
  • Imparare una più serena accettazione dei cambiamenti. 

Ad oggi lo scopo religioso è perduto, fatto salvo per gli appartenenti ai culti che praticano questi riti. Meditare è però davvero utile per ritrovare un centro, un bilanciamento tra corpo, spirito e mente. 


Vediamo insieme alcune delle tecniche più diffuse. 

Meditazione zen

Nel VI secolo d.C. un monaco indiano ideò una posizione che doveva consentire a chi pregava di trovare equilibrio spirituale. Si pratica stando seduti a gambe incrociate, con la schiena dritta e le spalle rilassate. La tecnica di meditazione zen (o zezen) si usa per focalizzarsi sul presente e sulla buona respirazione. 

tecniche di meditazione

Tecniche di meditazione trascendentale

Negli anni ‘50, il boom della cultura indiana portò all’attenzione dell’Occidente le tecniche di meditazione trascendentale. Il primo passo è cercare un mantra: è una sorta di poesia, che si canta in forma di litania. Ogni mantra ha effetti diversi sulla psiche. Tutti sono però accomunati da lentezza e calma del ritmo. Si pratica recitando il mantra ad occhi chiusi, in posizione zen, per almeno 15/20 minuti al giorno. 

La tecnica vipassana

Nata insieme alla tecnica zen, affonda le sue profondissime radici nel buddismo. E’ necessario concentrarsi sulla respirazione: lenta, calma e profonda. La mente deve focalizzarsi su un oggetto, mobile o immobile. “Vipassana” significa infatti “visione”. 

Mindfulness

La tecnica mindfulness è una occidentalizzazione della tecnica vipassana. E’ nata negli anni ‘70, a seguito di studi sulla religione induista e buddista. I suoi principi fondamentali sono tre:

  1. Osservare e non giudicare: la mente deve focalizzarsi sugli eventi e le persone della nostra vita, ma non chiudersi o essere ostile. 
  2. Qui e ora: è necessario concentrarsi sul tempo presente, senza rimpianti per il passato o paure per il futuro. 
  3. Trasparenza emotiva: analizza le tue emozioni con onestà e indagando dentro di te. 

In alcune pratiche mediche, la mindfulness viene usata per ridurre il dolore fisico delle condizioni croniche, come la chemioterapia e le malattie autoimmuni. La sua efficacia non è scientificamente provata, ma molti pazienti trovano importanti benefici con questa tecnica di meditazione

via GIPHY

Yoga kundalini

Questa tecnica di meditazione è riservata ai più atletici, perché richiede movimenti anche complessi del corpo. Si pratica focalizzando l’attenzione su una forma di energia, kundalini, appunto, che è avvolta lungo la colonna vertebrale. Gli esercizi mirano a stimolare vari centri energetici disposti sul corpo detti chakra. L’attivazione di un singolo chakra mira a risolvere specifici problemi della mente e del fisico. 

Le figure di yoga kundalini possono essere adattate a seconda della flessibilità del corpo e del livello di allenamento personale. Per iniziare è meglio provare un corso o farsi seguire da un istruttore competente.

Tecniche di meditazione dinamica

Molte tecniche di meditazione, come lo zen e la trascendentale, richiedono una perfetta immobilità del corpo. Lo yoga kundalini si gioca con figure lente ma che richiedono concentrazione muscolare. 

tecniche di meditazione

La tecnica di meditazione dinamica è del tutto diversa. Movimenti frenetici, corse, grida, canti e danze servono ad incanalare le energie e a disperdere i pensieri negativi. Pensa a quanto ti senti appagato e felice dove aver ballato con gli amici o con i bambini! L’obiettivo è in effetti molto simile. I movimenti del corpo scatenano il rilascio di endorfine, e dunque un profondo benessere fisico. 

Tu hai mai provato queste tecniche di meditazione? Quali sono stati i loro effetti? Condividi l’articolo e raccontaci la tua esperienza in un commento!

Post correlati
Salute

Quattro regole per costruire o conservare la muscolatura

Ogni volta che respiriamo, mangiamo, sorridiamo o camminiamo attiviamo enormi porzioni della nostra…
Leggi di più
Salute

Borse e occhiaie? Cinque cause e metodi per eliminarle

A chi non è mai capitato di svegliarsi con gli occhi gonfi o cerchiati? Di solito si identifica la…
Leggi di più
BambiniSalute

Vaccinazione infantile: pro, contro e falsi miti

Intensi processi di vaccinazione infantile e non hanno eradicato o reso molto gestibili malattie…
Leggi di più
Newsletter
Iscrivetevi alla nostra newsletter

Iscriviti alle nostre pubblicazioni e ottieni i migliori articoli per l'ispirazione. Una volta ogni 2 settimane e senza spam!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.